Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.

Il Disturbo della Comunicazione Sociale (Pragmatica): Vecchio Vino in una Botte Nuova? Valutazione e Terapia

by / giovedì, 04 ottobre 2018 / Published in Attività in corso, corsi in programmazione, duemila18, Novembre 2018, rassegna stampa

 “Disturbo della Comunicazione Sociale (Pragmatica)” Vecchio Vino in una Botte Nuova? Valutazione e Terapia.

vinovecchio

Roma 30 novembre e 1/2 dicembre 2018

Istituto Santa Dorotea

Via Matera, 18

29 Crediti e.c.m. per logopedisti

 

Il Disturbo della Comunicazione Sociale (Pragmatica) consiste in una persistente difficoltà con la comunicazione verbale e non verbale che non è spiegata da carenti abilità cognitive. I sintomi fanno riferimento sostanzialmente a deficit nell’uso sociale del linguaggio, uso che si raggiunge attraverso l’acquisizione delle regole che governano la comprensione del contesto comunicativo e la produzione di risposte appropriate in differenti contesti sociali.

Un tempo classificato all’interno del Disturbo pervasivo dello sviluppo NAS, la recentissima edizione del DSM 5 ancora non tradotta in Italia, include al suo interno la nuova diagnosi di Social (Pragmatic) Communication Disorder dove si sottolinea come sia importante differenziare il Disturbo della Comunicazione Sociale dai Disturbi dello Spettro Autistico per le implicazioni terapeutiche, didattiche e di supporto sociale che possono differentemente essere attivate nei due disturbi.

Appare dunque fondamentale per gli operatori della salute mentale l’acquisizione delle procedure d’uso e dell’interpretazione dei dati forniti da strumenti standardizzati di valutazione e tecniche osservative che rilevano i diversi processi cognitivi che caratterizzano il disturbo della Comunicazione Sociale così da arrivare ad un corretto inquadramento diagnostico e focalizzare l’intervento riabilitativo a livello individuale, di gruppo e sulla rete sociale.

La discussione di casi clinici, in fase diagnostica e in trattamento riabilitativo, e di videoregistrazioni stimolerà dunque nei partecipanti un approccio alla riabilitazione cognitiva che si basa sull’uso combinato di differenti tecniche di intervento attraverso le quali lavorare sul l’integrazione delle competenze necessarie per un efficiente uso del linguaggio.

 

Venerdì 

I^ GIORNATA

14.00              La pragmatica: competenze e deficit

15.00              Presentazione di due casi clinici in prima consultazione e discussione ipotesi di valutazione

16.00              Coffee-break

16.15              La valutazione neuropsicologica: razionale e uso degli strumenti di valutazione delle abilità cognitive

II^ GIORNATA

09.00              La valutazione delle competenze pragmatiche: strumenti standardizzati e protocolli osservativi

11.00             Coffee break

11.15              Il Disturbo pragmatico del linguaggio nei diversi profili clinici

11.45              Presentazione di casi clinici con differenti profili neuropsicologici

13.00              Pausa pranzo

14.00              Presentazione di casi clinici con differenti profili neuropsicologici

15.00              Discussione sui casi clinici della prima giornata e discussione di una nuova formulazione del progetto valutativo.

15.30              Principi della riabilitazione cognitiva

16.00              Presentazione della sintesi diagnostica di due casi clinici e discussione ipotesi di riabilitazione

17.00              La pragmatica nella comprensione linguistica: il training sulla ricezione delle informazioni verbali, non verbali e scritte

III^ GIORNATA

08.30              La pragmatica nella produzione linguistica: il training sulla produzione delle informazioni verbali, non verbali e scritte.

10.00              Presentazione di casi clinici che hanno effettuato un training sull’incremento delle competenze pragmatiche

11.15              Coffee break

11.30              Presentazione di casi clinici che hanno effettuato un training sull’incremento delle competenze pragmatiche

13.00              Pausa pranzo

14.00              La terapia di gruppo e la costruzione di una rete sociale

 16.00             Coffee break

16.15              Discussione dei casi clinici della prima giornata e nuova formulazione del progetto riabilitativo

16.45              Caso clinico di valutazione dell’apprendimento

Questionario di valutazione del gradimento

 

Docenti:

Dottori  Giovanni Masciarelli e Enrico Iurato.

 

Responsabili della formazione:

Dott.ssa Enrica Mariani                         mail.enricamariani@gmail.com

Dott.ssa Manuela Pieretti                      manu.pieretti@gmail.com

 

 

Quota per soci € 190. 

Quota per non soci € 220

La quota di partecipazione va versata unicamente alla FLI Lazio.

IBAN IT66P0569603232000002862X69

Il corso si attua con almeno 20 partecipanti ed è riservato ai primi 25 iscritti.

Scarica la locandina

Iscriviti on line.

 

 

TOP
Contattaci

Non siamo online al momento, ma puoi mandarci una mail, ti risponderemo il prima possibile.

Domande, richieste o consigli? Siamo qui per risponderti!

Clicca 'INVIO' per chattare